<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=451519968711544&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

digitalizzazione

I benefici di SAP S/4HANA: qualche caso concreto

SAP S/4HANA è l’ERP intelligente di SAP che utilizza tutta la potenzialità del database in memory HANA e che fornisce all’azienda gli strumenti necessari per la digitalizzazione. La prima release è stata lanciata nel 2015 e da quel momento la soluzione è stata continuamente arricchita fino a portarla ad un grado tale di maturità e di adattabilità, da renderla la soluzione vincitrice del mercato ERP.

Questo lo sappiamo tutti ma oggi vorremmo cercare di essere più concreti e di andare ad evidenziare quali sono le differenze principali fra SAP ECC e SAP S/4HANA ed i conseguenti benefici che SAP S/4HANA può portare in determinati processi di business.

LEGGI TUTTO

DATI CORRETTI COME VALORE FONDAMENTALE PER IL BUSINESS

Riconvertire digitalmente il proprio business e quindi approcciare la digital transformation della propria azienda non significa solo investire in dotazioni tecnologiche e formare il proprio personale interno ma anche, e soprattutto, affrontare il tema di process e data integration. Molto spesso, le aziende che hanno avviato progetti di trasformazione digitale lo hanno fatto solo sui processi core, evitando di toccare l’intero processo di gestione operativa di tutte le funzioni.

LEGGI TUTTO

3 diversi approcci al passaggio SAP S/4HANA

SAP S/4HANA è il nuovo gestionale nato nel 2015 per rimpiazzare l’ormai storica soluzione SAP ERP che tanta fortuna ha avuto in Italia e nel mondo. Nella volontà di SAP, fin dalla prima progettazione, c’è stato l’obiettivo di realizzare un software di nuova generazione, “digital ready”, aperto all’integrazione verso il cloud e fruibile in maniera nativa dal cloud, che potesse sfruttare al meglio le potenzialità del database in memory HANA. 

LEGGI TUTTO

Perché le PMI devono digitalizzarsi

Il Ministero dello Sviluppo Economico stima che circa il 50% delle grandi aziende abbia già adottato almeno una tecnologia 4.0, mentre le PMI, che rappresentano il 92% delle aziende italiane, sono ancora ferme al 24,4%. Nel prossimo triennio, il 10% delle imprese del nostro territorio prevede di introdurre almeno una tecnologia 4.0, ma dall'altro lato, la percentuale delle grandi aziende sale ancora al 35,1%, facendo crescere il divario tra le due realtà. (Fonte: Il Sole 24 Ore)

LEGGI TUTTO
1

    Tags