<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=451519968711544&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

All posts by Vincenzo Consorti

Criptovalute e controlli AML/CTF, dalla dicotomia al binomio

Le criptovalute oggi rientrano tra i punti presi in esame dalla V Direttiva europea antiriciclaggio.

Il tema dei controlli AML/CTF rispetto alle monete virtuali è sempre stato caratterizzato da una forte dicotomia tra i due concetti, poiché, per natura, queste ultime vengono generate in forma anonima tramite la risoluzione di stringhe di codice i cui “pezzi” originano da fonti differenti in un sistema blockchain.

È evidente quindi la difficoltà di oggi per i Payment Service Provider, come ad esempio gli istituti bancari, nel riuscire a rintracciare i nominativi degli attori in gioco in una transazione attraverso criptovalute secondo quanto stabilito finora dalle normative per i controlli antiriciclaggio e antiterrorismo.

LEGGI TUTTO

Procedure KYC: il plus delle liste private

Le procedure KYC sono un tassello sempre più importante per tutelarsi dal rischio reputazionale, soprattutto per le banche, le assicurazioni, gli uffici pubblici e le aziende. Per molte di queste organizzazioni sono obbligatori per legge i controlli AML & CTF quando svolgono o fungono da tramite per transazioni economiche.

LEGGI TUTTO

Rischio reputazionale, oggi può essere gestito con tool dedicati

Oggi aziende, banche, assicurazioni, ministeri, associazioni e organizzazioni affini misurano la propria forza sul mercato o all’interno di un sistema socio-economico anche, e a volte soprattutto, grazie alla propria reputazione e alla percezione che il pubblico ha di loro.

LEGGI TUTTO

Instant Payment: renderlo compatibile con i controlli AML/CTF

Dopo l’introduzione il 21 novembre 2017 dei bonifici istantanei, i cd. instant payment, che consentono all’interno dei paesi aderenti al SEPA di effettuare bonifici tra soggetti diversi con trasferimento di denaro in 10 secondi, 7 giorni su 7, 24 ore su 24, anziché in uno o più giorni lavorativi come avviene oggi, sono diversi i dubbi che sono sorti tra i sub-agents, ad esempio gli istituti bancari, su come poter effettuare su transazioni così veloci i controlli previsti dalla Direttiva europea in materia di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo.

LEGGI TUTTO
1

    Tags