tariffa doganale taric

La tariffa doganale TARIC rappresenta lo strumento chiave con cui intraprendere rapporti commerciali a livello internazionale; si basa, infatti, su un sistema di classificazione dei prodotti che permette di risalire a informazioni essenziali, quali le disposizioni in materia legislativa, il regime fiscale previsto e le condizioni tariffarie.

Si può immaginare, quindi, quanto la corretta determinazione del codice rappresenti la chiave per adempiere agli obblighi previsti senza rischiare di interrompere il business: nell’articolo di oggi parliamo dello strumento utile per la gestione di questo passaggio.

Perché il mancato adeguamento della tariffa doganale TARIC è un rischio?

Non accertarsi della corretta identificazione della merce e, ancora, associare i prodotti a una categoria merceologica diversa da quella prevista, sono rischi molto importanti per il business. Oltre a risponderne in termini di sanzioni – nel migliore dei casi – le aziende possono incorrere anche in un blocco alla dogana.

Il sistema di classificazione della tariffa doganale TARIC

Il codice doganale TARIC non è altro che uno strumento di classificazione che prevede, per ogni categoria di prodotto, l’assegnazione di un codice di dieci cifre, così composte:

  •         le prime sei sono voci e sottovoci del sistema armonizzato
  •         la settima e l’ottava sono sottovoci della nomenclatura combinata
  •         la nona e la decima rappresentano le sottovoci TARIC

La classificazione dei prodotti permette di risalire alla loro natura daziaria, che definisce i termini di scambio tra Paesi – dalle regole di politica commerciale all’eventuale applicazione di divieti, così come la presenza di specifiche autorizzazioni. Tutti questi elementi concorrono al raggiungimento degli obiettivi di business, attraverso il rispetto dei negoziati che vigono tra Paesi.

New call-to-action

L’adattamento al Regolamento di esecuzione UE n. 2021/1832 ha visto l’entrata in vigore, il 1° gennaio 2022, di 760 voci tariffarie e codici nuovi che riguardano la nomenclatura combinata. Come spiegato dell'Agenzia delle Accise, Dogane e dei Monopoli, questo aggiornamento si inserisce in un quadro di novità legato alla commercializzazione di nuove tecnologie – che impone una revisione della catalogazione di merci tecnologiche, industriali ed elettroniche.

Questo non è il solo obiettivo del Regolamento Europeo del 2021 che punta – tra gli altri – ad applicare un controllo più serrato sulla merce che ha un impatto in termini di rischi per l’ambiente e le persone.

Gestire la tariffa doganale TARIC in modalità manuale

Per verificare di applicare il corretto codice TARIC al prodotto esportato, l’ADM ha messo a disposizione del pubblico una piattaforma online dalla quale poter consultare le voci doganali e, quindi, tutte le modificazioni; questo strumento è senz’altro un modo utile, soprattutto per verificare che a un eventuale aggiornamento dei codici corrisponda anche una variazione daziaria (non sempre prevista).

Tuttavia, anche gli esperti più attenti in materia di gestione dell’export e della conformità commerciale possono lasciarsi sfuggire adeguamenti, aggiornamenti e novità. Allo stesso modo, una procedura condotta in modo manuale può facilmente portare a equivoci, errori e sviste con importanti conseguenze per il business.

Cosa dobbiamo aspettarci nel prossimo futuro?

Senza dubbio, possiamo immaginare che le discipline in materia di scambi doganali saranno sempre più stringenti e complesse, con l’obiettivo di applicarsi a nuove condizioni geopolitiche, così come al progresso marcato delle tecnologie. Allo stesso modo, anche la tutela dell’ambiente assumerà sempre più carattere d’urgenza, che porterà a inasprire il controllo su beni considerati pericolosi.

Scegliere di affidarsi a soluzioni automatizzate può semplificare e rendere ancora più accurati i controlli da parte di export e compliance manager. Ecco perché.

I vantaggi del Software Trade Compliance per il business

Lo strumento automatizzato per la gestione della tariffa doganale TARIC è la leva strategica per assicurare conformità e compliance alle procedure. Di fatto, la piattaforma integra le informazioni provenienti da più fonti per fornire indicazioni e linee guida sugli elementi che influenzano la determinazione della classificazione.

tariffa doganale taricIl software aggiorna i dati in tempo reale, in modo da essere perfettamente conforme ad accordi, regolamenti e leggi in vigore. In questo modo, è possibile individuare e identificare i rischi, con una maggior sicurezza rispetto al controllo doganale. A questo proposito, ricordiamo che le autorità doganali possono contestare attività anche a distanza di anni, per cui il passaggio a una soluzione informatizzata garantisce la disponibilità di qualunque documentazione, in qualunque momento.


Per approfondire queste e ulteriori opportunità del software Trade Compliance per la gestione della tariffa doganale TARIC, richiedi una consulenza gratuita con uno dei nostri esperti.

New call-to-action