<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=451519968711544&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Ridurre i rischi legati all'origine preferenziale delle merci

Sub Heading

origine preferenziale delle merciUna delle tematiche doganali più importanti legate all’import ed export è l’origine preferenziale delle merci. Si tratta di una procedura che è fondamentale conoscere per affrontare al meglio gli audit doganali e ridurre al minimo il rischio di incorrere in sanzioni a seguito di errori o inadempienze.

Nell’articolo di oggi parleremo degli strumenti più efficaci per tutelare al meglio il proprio business.

Il ruolo dell’origine preferenziale delle merci nel successo dell’export

L’origine preferenziale delle merci è lo strumento che consente ai prodotti importati e/o esportati da e verso alcuni Paesi la concessione di benefici e agevolazioni daziarie – a patto che siano rispettati alcuni requisiti.

Questo tema interessa tutte le aziende coinvolte in attività di import ed export con Paesi con cui l’Unione Europea ha siglato accordi. Se è vero che le aziende che importano beni godono di benefici tangibili che si concretizzano in dazi ridotti o addirittura non pagati, anche le imprese che esportano possono fare leva proprio su questo aspetto; infatti, gli accordi di libero scambio permettono all’azienda esportatrice di godere di vantaggi indiretti, come la possibilità di aggredire il mercato, migliorando la propria reputazione e ottenendo così un ritorno economico.

Per disporre di benefici di questo tipo, Paesi importatori ed esportatori devono muoversi su due livelli differenti.

Mentre agli importatori di merce da Paesi extra UE sono applicate le tariffe agevolate in modo automatico e diretto con l’arrivo della merce accompagnata dalla documentazione necessaria, diverso è il percorso delle aziende che esportano.

I prodotti esportati devono, infatti, essere certificati di origine preferenziale, pena il rischio concreto di affrontare conseguenze severe, anche penali.

I requisiti per l’origine preferenziale delle merci: come evitare sanzioni

Per attribuire l’origine preferenziale a un prodotto, è necessario che ci sia stata almeno una lavorazione sufficiente all’interno dell’Unione Europea. Verificare questa condizione può essere molto complesso, dal momento che sono diversi gli elementi che concorrono alla determinazione di una lavorazione cosiddetta sufficiente.

Gestire al meglio la Trade Compliance

La sfida per le aziende è proprio questa: essere in grado di individuare tutti gli elementi che permettono a un prodotto di godere dello status di origine preferenziale, così da non incorrere in sanzioni – che possono essere amministrative e nei casi più gravi anche penali.

Le autorità doganali effettuano controlli regolari, imponendo alle aziende non solo di essere conformi, ma di saperlo dimostrare attingendo allo storico richiesto. Ecco, quindi, alcune best practice per le aziende che vogliono essere certi che il prodotto esportato risponda ai requisiti di origine preferenziale.

Stabilimenti produttivi

I luoghi dove avviene la produzione sono indispensabili per identificare la natura preferenziale; tuttavia, può non essere immediato individuare quello che garantisce una lavorazione sufficiente. Difatti, molto spesso la catena del valore è distribuita a livello globale – aspetto poco influente per le aziende i cui stabilimenti sono tutti in UE. Non vale lo stesso, però, per le produzioni che coinvolgono in parte l’Europa e in parte Paesi extra UE: in questi casi, la difficoltà nella determinazione dell’origine preferenziale è legata alle attività condotte nei diversi stabilimenti.

Composizione dei prodotti

Un’altra sfida per le imprese riguarda la classificazione dei componenti del prodotto determinata dalla loro origine. A questo proposito, non esiste uno standard operativo, per cui è necessario conoscere le disposizioni più specifiche in materia applicate ai componenti che non sono di origine preferenziale.

Prove di origine da parte dei fornitori

Questo caso si applica alle aziende esportatrici di prodotti acquistati da altri fornitori e – per superare i controlli doganali - prevede la necessità di ottenere dai produttori una prova d’origine che certifichi lo status di:

  • prodotti finiti

  • semilavorati

  • materie prime

La dichiarazione dei fornitori attestante la qualifica dell’origine preferenziale può essere una tantum, quindi rilasciata una sola volta, ed essere valida a lungo termine per il tempo massimo previsto dalle autorità – questo è il caso dei fornitori regolari che vendono periodicamente lo stesso tipo di merce all’azienda cliente. Al contrario, può trattarsi di una prova d’origine fornita a seconda della merce esportata, che comprenda specifici riferimenti al Paese importatore e a quello accordista.

Come avviene per l’identificazione degli stabilimenti produttivi e la classificazione dei componenti di un prodotto, anche le dichiarazioni dei fornitori richiedono molta attenzione. Prima di tutto, è necessario verificarne la validità nel tempo, assicurando di aggiornare gli archivi e sollecitando i partner commerciali qualora manchino dei documenti.

origine preferenziale delle merciQuesto approccio all’export è sufficiente per garantire conformità?

Quando si tratta di export tra Paesi UE ed extra UE e controlli doganali, premura e attenzione possono non essere sufficienti. Gli aspetti burocratici, infatti, sono molti e implicano procedure e pratiche che possono subire cambiamenti importanti nel giro di poco tempo.

Le soluzioni automatizzate più innovative per la gestione della conformità nelle attività di export offrono visibilità a 360 gradi sulle attività, garantendo così il superamento delle sfide più complesse – legate appunto ai rischi dei controlli doganali. Con la possibilità di archiviare, catalogare, gestire e risalire allo storico, qualunque richiesta da parte delle autorità competenti può essere accolta in tempi rapidi.

Inoltre, la suite per la conformità dell’import/export permette di:

  • adeguarsi alle novità normative più recenti

  • godere delle agevolazioni daziarie previste

  • rendere agevoli i processi

  • guidare le operazioni, compreso lo scambio di informazioni tra fornitori


Vuoi approfondire la dichiarazione origine preferenziale e ulteriori opportunità del software Trade Compliance per la tua azienda? Richiedi una consulenza gratuita con uno dei nostri esperti in materia doganale e di origine preferenziale delle merci.

Richiedi una consulenza sulla Trade Compliance

Share This Post:
Redazione Metisoft

Redazione Metisoft

    Metisoft Blog

    Il blog di Metisoft è una fonte di consigli sulle soluzioni che possono supportare i processi di business, aiutando a superare le sfide tecnologiche più importanti.

    Per non perdere le notizie più interessanti, inserisci l’indirizzo email nel riquadro

    New call-to-action

    Articoli recenti

    Argomenti

    Visualizza tutti